Chiamata Pubblica

Chiamata Pubblica

 

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE LE OFFERTE ATTIVE

 

CHIAMATA PUBBLICA ai sensi dell’art. 16 della Legge 28.2.1987 n. 56.

Nei Centri per l'Impiego è attiva la chiamata pubblica su prenotazione tramite l’ applicativo sistema informativo lavoro Piemonte. (SILP)
Per prenotarsi è necessario, entro i tempi indicati nell’avviso, recarsi al CPI dove è attiva l’offerta .

È obbligatorio presentarsi agli sportelli con la documentazione richiesta anche dall’ente richiedente.

CHI PUÒ PARTECIPARE

  • è necessario essere in possesso del diploma di scuola dell'obbligo;
  • disoccupato o inoccupato
  • occupato  - solo per offerte a tempo indeterminato -.

Potrai prenotare le offerte presso il Centro per l'Impiego competente (in base al tuo domicilio) oppure, se ritieni, puoi eleggere domicilio speciale presso il Centro per l'Impiego che effettua le chiamate che normalmente ti interessano. Se sei disoccupato devi aver dato l'immediata disponibilità al lavoro ai sensi del D. Lgs. 150/2015

DOCUMENTI DA PORTARE

  • Codice fiscale
  • Documento di identità
  • Dichiarazione ISEE
  • Se extracomunitario in possesso di permesso di soggiorno valido

COME PARTECIPARE

  • Recati di persona presso le sedi dei Centri per l'Impiego.
  • Puoi dare la tua adesione a più offerte.
  • A prenotazione avvenuta non potrai effettuare altre scelte.

CRITERI DI AVVIAMENTO
Gli avviamenti sono effettuati sulla base di due criteri:

1. Dichiazione ISEE in corso di validità. Sarà favorito chi ha la dichiarazione ISEE di importo inferiore.
2. anzianità nello stato di disoccupazione computata secondo un abbattimento di 50 punti calcolato per ogni mese di anzianità e per un massimo di 24 mesi.

  • A parità di condizioni si privilegia il più anziano d'età.
    Il candidato che risulti titolare in più offerte sarà avviato secondo l'ordine di scelta effettuata al momento della pubblicazione delle stesse. Se l'avviato non supera la prova di idoneità presso l'Ente, non potrà prenotarsi nuovamente in caso di ripubblicazione della stessa richiesta.
  • Ricorda che la rinuncia o la mancata presentazione alle prove di idoneità per offerte a tempo indeterminato comporta la cancellazione e la conseguente perdita dello stato di disoccupazione.

CERTIFICAZIONE ISEE
Gli sportelli abilitati a rilasciare l'attestazione ISEE sono: le sedi INPS competenti per territorio, i centri di assistenza fiscale (CAF), i Patronati e i Comuni (non tutti). Per tutte le informazioni consultare la sezione del sito INPS www.inps.it

L'ISEE: PUNTEGGIO PER LA CHIAMATA PUBBLICA
Una volta ottenuta l'attestazione ISEE bisogna presentarsi al Centro per l'Impiego - o negli altri sportelli autorizzati - per prenotarsi al fine di partecipare alla chiamata pubblica 
A chi non produce il documento ISEE verranno attribuiti d'ufficio 35.000 punti.
Il punteggio sarà il risultato della seguente operazione: 
Valore ISEE - (50 punti X mesi di disoccupazione max 24 mesi).
Per esempio se il valore rilevato nell'attestazione ISEE è pari a 1200 e i mesi di disoccupazione sono 20 il calcolo sarà: 
1200 - (50 X 20) = 1200 - 1000= 200.
Gli operatori dei Centri per l'Impiego restano a disposizione per ogni chiarimento.

FONTI NORMATIVE

Procedura per gli ENTI
Si tratta di una particolare procedura di reclutamento del personale, sia a tempo indeterminato che determinato, da inquadrare nei livelli per i quali è richiesto il solo titolo di scuola dell'obbligo (il possesso di titoli superiori non offre vantaggi di posizione in graduatoria). Tale procedura è avviata dalla Pubblica Amministrazione, esclusi gli Enti Pubblici Economici, che è tenuta al rispetto delle procedure ex. art.16 l.56/87 e della DGR n.66-1293 del 5 luglio 2004 l’Ente interessato presenta la richiesta di avviamento a selezione al Centro per l’Impiego specificando numero dei posti, luogo di lavoro e condizioni contrattuali, il profilo professionale ed il periodo di validità della graduatoria che quindi verrà utilizzata fino a sua scadenza per le ulteriori assunzioni nel profilo. Il riferimento alla selezione riguarda il fatto che l’Ente richiedente è tenuto a far effettuare al lavoratore una prova di idoneità alla mansione.

 

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE LE OFFERTE ATTIVE